Psiche e Corpo

Psiche e Corpo

La “dieta” di primavera

Mariella Lajolo Terapista alimentare e counselor

Serie: La cucina che cura

La dieta di Primavera è consigliata per 10, massimo 30 giorni alla fine dell’inverno,  per compensare i vecchi eccessi e liberare il corpo da ristagni e indurimenti, in un  momento dell’anno in cui il corpo è più predisposto. Si tratta di evitare prodotti animali e derivati, ridurre all’osso l’olio e i prodotti che lo contengono (latte vegetale, semi, frutta secca), evitare i prodotti da forno (realizzati con farina e olio, ogni tipo di zucchero (a parte il malto), sospendere tutti i vizi e le cattive abitudini (alcool, caffè). Questo sforzo vi regalerà un corpo forte e sano, per il resto dell’anno e aiuterà a prevenire l’attacco di virus.

Commenta (1 "Commento")

I fiori di Bach, rimedi per l'anima

Silvia Pezzimenti

La salute non può essere considerata solo dal punto di vista fisico, ma come l'armonizzazione di mente e corpo.

Il Dott. Bach, medico, patologo, batteriologo e omeopata, dopo aver compreso la relazione imprescindibile tra emozioni e salute, in perfetta sintonia con la natura, mise a frutto la scoperta di 38 rimedi floreali. Essi, attraverso le loro vibrazioni energetiche, contribuiscono a riequilibrare gli stati emotivi dissonanti, predisponendo così l'attitudine a un buono stato di salute globale. Il messaggio fondamentale del Dott. Bach è l’esortazione a trattare la persona e non la malattia, la causa e non l’effetto: lo stesso evento o situazione viene infatti vissuto e provoca reazioni differenti a seconda dei molteplici fattori, che condizionano la vita del singolo individuo.

Prenderemo ora in esame alcuni fiori, che ci possono aiutare ad affrontare questo particolare momento storico.

Commenta (0 Commenti)

Salute e malattia: una questione di equilibrio acido-alcalino

 Mariella Lajolo Terapista Alimentare e counselor

 Abbiamo dimenticato che sarebbe un nostro diritto vivere sani fino al giorno in cui si muore.

Si tratta di provare ad effettuare una prevenzione primaria, per evitare di ammalarci e una prevenzione secondaria, nel caso in cui siamo già ammalati, per contrastare l'aggravamento delle nostre condizioni cliniche o addirittura invertire l'effetto peggiorativo delle malattie stesse.

È stato scientificamente dimostrato che le malattie gravi non possono svilupparsi in un ambiente alcalino e che l'acidosi è la causa principale e la concausa del 90% delle malattie. I sintomi sono solo i segnali di un iperacidità e ogni malattia ha una condizione di acidità generale di fondo.

Commenta (0 Commenti)

La Medicina Tradizionale Cinese e i cinque elementi

Elena Barone

 Serie Salute e benessere

La Natura è dentro e fuori di noi, in ognuno di noi e in ogni istante. Siamo un duplicato dell’universo, che passa di stagione in stagione nel naturale, infinito ciclo della vita.

Gli antichi Cinesi, come tutti i popoli che traggono forza dalla connessione con la natura, considerano la Forza Vitale dell’individuo preziosa ed essenziale alla vita e, per mantenerla fiorente, è necessario che ogni creatura vivente adotti un modo di vivere che la preservi.

La Medicina Tradizionale Cinese e i cinque elementi
Commenta (0 Commenti)

Liberi dalla paura. Il futuro è adesso

Mariella Lajolo, counsellor

Nella civiltà materialistica ci fanno credere che il corpo sia la base di tutto e, in nome della salute del corpo, si possano sacrificare quelle facoltà della coscienza come l’indipendenza del pensiero, la libertà di scelta, l’autodeterminazione ad agire.

Commenta (0 Commenti)

La precarietà e la paura come stimolo al cambiamento di stile di vita: dimagrire e migliorare lo stato di salute generale

La Cucina che Cura - Mariella Lajolo, Terapista alimentare

La riduzione del movimento, l’essere stati a lungo chiusi in casa, l’alterazione delle abitudini, l’aver trascorso lunghe ore seduti al tavolo o davanti al computer o sdraiati sul divano,  l’aver perso delle certezze, la noia, il nervosismo possono, per molti, aver aggravato una condizione di sovrappeso.  Il senso di precarietà e disorientamento possono aver alterato la regolarità dei pasti, aver indotto al ricorso a frequenti snack o dolci, per consolarsi e compensare.

Commenta (0 Commenti)
Image

Realizziamo i nostri progetti con tre elementi essenziali:

Promozione, Informazione ed Educazione.

Sede: Via Meloria 6, 57128 Livorno

C.F. 92137740491

© 2019 ASSOCIAZIONE CULTURALE CENTRO STUDI INVICTUS 
All Right Reserved